LIMA 208165L - H0 1:87 - Automotrice Elettrica Ale 601 045 + Le 601 023 FS Marco Polo Cardanica

Automotrice Elettrica Ale 601 045 + Le 601 023 FS Marco Polo Cardanica
Accedi per essere avvisato quando il prodotto torna in magazzino.

Disponibilità: Non disponibile

Sicurezza bambini   Scala   Scala   Logo amministrazione ferroviaria   Alimentazione   Nazione soc. ferroviaria  Condizione

150,00 €

LIMA
Acquistare è semplice!

Acquistare è semplice!

1

Ricerca e confronta gli articoli nelle categorie organizzate

2

Metti nel carrello virtuale i prodotti scelti

3

Scegli il metodo di pagamento e spedizione

4

Segui il tuo ordine on-line e ricevi la merce in pochi giorni

Descrizione

Dettagli

Le elettromotrici del gruppo ALe 601 e le sue derivate sono state il fiore all'occhiello della progettazione dei nuovi rotabili che le Ferrovie dello Stato italiane attuarono nell'ambito del piano quinquennale, studiato ed attuato dall'Azienda tra il 1957 ed il 1962. Le ferrovie uscite dall'emergenza della ricostruzione del secondo dopoguerra si trovarono presto nella necessità di rispondere alle richieste di mobilità a lunga percorrenza nelle direttrici più importanti del paese. Ormai era palese l'obsolescenza delle elettromotrici e dei treni d'anteguerra e i pochi elettrotreni di nuova concezione come il Settebello e l'Arlecchino non erano certo in grado di sopperire a tutte le richieste vincolati anche da problemi di circolabilità su alcune linee non fondamentali. Il progetto ALe 601 fu il risultato dell'esperienza maturata con gli elettrotreni, ma, esso, risulta del tutto nuovo a cominciare dalla cassa portante mediante l'uso di travi Vireendel che dava robustezza e finestrini molto ampi con una abitabilità ed una luminosità interne sconosciute agli elettrotreni. Il comfort era accresciuto con l'uso di poltroncine singole che nella terza serie erano anche reclinabili, inoltre, e ciò era importantissimo per il servizio,per tutti i rotabili erano disponibili due cabine di guida permettendo di adeguare la composizione del treno al variare del numero di passeggeri e creare servizi diretti per città diverse senza cambiare treno. Anche i carrelli erano del tutto nuovi e all'avanguardia per l'epoca, essi furono i primi ad essere progettati per le alte velocità (si parla di 180–200 km/h) pur garantendo comfort e sicurezza di marcia da primato, tanto che saranno adottati nel giro di un decennio da tutti gli elettrotreni in servizio. Solo l'alimentazione dei servizi ausiliari (climatizzazione, illuminazione, comandi, ecc.) furono concettualmente derivati dagli elettrotreni. Assai innovativo era anche il pantografo importantissimo per delle elettromotrici potenti e veloci, il famoso 52FS garantiva una eccellente captazione delle elevate correnti richieste anche a velocità dell'ordine dei 180–200 km/h tanto che,sia pure con lievi modifiche sarà adottato da TUTTI i rotabili (compresi gli ETR) veloci delle FS fino al pendolino da 250 km/h, passando per E444, E656, E645/6 e così via. Un ulteriore salto di qualità fu il condizionamento dell'aria. Le ordinazioni vennero fatte a partire dal 1959 alle officine di Casaralta di Bologna per la struttura meccanica e della carrozzeria e a varie officine meridionali per la parte elettrica, OCREN, Mater/Alce, Asgen ed altre. Per le rimorchiate vennero coinvolte anche la Macchi di Varese e la Elettromeccanica Parizzi. Le elettromotrici 601 si rivelarono delle macchine eccellenti sotto tutti gli aspetti e senz'altro in anticipo sui tempi per quanto riguarda le linee ferroviarie italiane; il 3 dicembre 1963, dopo 24 anni, sulla tratta Grosseto-Montepescali della ferrovia Tirrenica superarono il precedente record di velocità dell'ETR 212 toccando i 225 km/h e raggiunsero i 240 km/h il 4 dicembre 1968 sulla Ferrovia Direttissima Roma-Napoli tra Stazione di Campoleone e Stazione di Sezze Romano. Dopo l'apertura della Direttissima Firenze-Roma vennero raggiunti i 278 km/h in una corsa effettuata il 28 dicembre 1985 con le elettromotrici numero 060, 064 e 065 aventi il rapporto di trasmissione 40/44. Una ulteriore prova della grande validità del rotabile, di impostazione tecnica tradizionale, a corrente continua a 3000 volt e regolazione reostatica dell'avviamento.Le ALe 601 furono non soltanto dei mezzi veloci ma anche prestigiosi: già con l'orario ferroviario invernale del 1961 effettuarono il nuovo rapido Freccia della Laguna, di sola 1ª classe e con carrozza ristorante, da Roma Termini per Venezia, Trieste e Bolzano. In seguito vennero impiegate per la Freccia del Tirreno e per il rapido Peloritano tra Roma e Reggio Calabria, Siracusa e Palermo; quest'ultimo aveva la percorrenza più breve tra le tratte estreme, insuperata fino ad oggi.Nei primi anni novanta 14 elettromotrici ed altrettanti rimorchi sono stati ricolorati nella livrea Alitalia ed hanno svolto servizio, tra Firenze e Roma-Fiumicino e tra Napoli e Roma-Fiumicino, assumendo la denominazione di volo di superficie e le sigle di servizio dei voli della compagnia area AZ XXX; tali treni erano riservati ai passeggeri con biglietto Alitalia e sostituivano altrettanti voli. Il servizio si è svolto tra il 29 giugno 1992 e il 30 giugno 1994 dopo tale data è stato soppresso. Treno diagnostico SCMT, visto dal lato della Le.700.003 Interno del rimorchio Le.700.003, del treno diagnostico SCMTCon l'immissione in servizio degli ETR 450 dalla fine degli anni ottanta in poi le 601 sono state relegate a servizi spesso marginali e addirittura locali, inadatti a rotabili di classe quali erano. L'elevato esubero di unità ha poi indotto le FS alla loro trasformazione in treni bloccati a quattro elementi del tipo ALe 841 allo scopo di utilizzarle in servizio regionale veloce e confortevole; sono stati realizzati, tra il 1994 e il 2004, 16 convogli ottenuti dalla trasformazione di 32 elettromotrici. Altri 3 treni bloccati hanno mantenuto la classificazione ALe 601.Nel 1999 l'elettromotrice ALe 601.065 e la rimorchiata Le 480.008 sono state attrezzate come treno diagnostico per il controllo e collaudo del sistema ERTMS. È stato realizzato in seguito un altro convoglio diagnostico, si tratta del treno di sperimentazione SCMT; per il controllo e collaudo del sistema SCMT. Il materiale utilizzato per la realizzazione è composto da una motrice, ALe 601.064, e da un rimorchio, la Le.700.003.Negli anni duemila alcuni treni sono stati riclassificati ALe 783.Fonte Wikipedia

Scheda tecnica

Scheda tecnica

Condizione U1
Imballo originale
Bustina con aggiuntivi N/A
Montaggio aggiuntivi N/A
Tabelle di percorrenza N/A
Manuale uso e istruzioni N/A
Certificato edizione limitata N/A
Note prodotto N/A
Produttore LIMA
Codice prodotto 208165L
EAN No
ISBN N/A
Scala H0
Rodiggio Bo'Bo'
Amministrazione ferroviaria FS
Nazione soc. ferroviaria IT
Compagnia merci No
Codice locomotore Ale 601 045 + Le 601 023
Identificativo numerico carrozza N/A
Tipo carrozza No
Livrea Verde / Grigia
Colore Verde
Epoca IV
Alimentazione DC
Alimentazione da linea aerea No
Lunghezza fuori respingenti 0
Materiale respingenti Plasitica
Materiale assi Metallo
Decoder digitale No
Decoder digitale + suono No
Connettore decoder NO
Motore con volano No
Telaio in metallo No
Luci di coda No
Equipaggiamento luci Locomotiva con luci bianche e rosse
Illuminazione interna No
Aggancio NEM Con cinematismo di allontanamento
Predisposizione per l’illuminazione interna No
Raggio minimo di percorrenza sulle curve (mm) No
Respingenti molleggiati No
Anno produzione No
Anno fuoriuscita catalogo No

Recensioni

Scrivi la tua recensione

La tua recensione: LIMA 208165L - H0 1:87 - Automotrice Elettrica Ale 601 045 + Le 601 023 FS Marco Polo Cardanica

Tag prodotto

Tag prodotto

Usa gli spazi per tag separati. Usa apostrofi singoli (') per frasi.

Livelli stato d'uso prodotti

Le condizione del prodotto usato è definita da una valutazione da parte Rail-modelling.com in tre livelli di stato d'uso di seguito classificate. Tutte le pagina prodotto hanno la relativa icona con la condizione, inoltre nella scheda tecnica sono indicati il codice condizione (N, U0,U1,U2) e se l'oggetto ha il realtivo imballo originale.


Prodotto nuovo 24 mesi di garanzia

Prodotto NUOVO con 24 mesi di garanzia;


Prodotto usato da stock

Usato da stock: (icona U0) identifica il prodotto mai usato se non a scopo dimostrativo e/o proveniente da stock di magazzino, integro in tutte le sue parti e privo di segni di usura;


Prodotto usato regolarmente

Usato in buone condizioni: (icona U1) identifica il prodotto usato regolarmente con i normali segni di utilizzo, il materiale allegato nella scheda prodotto renderà degna prova dello stato d'uso;


Prodotto molto usato con evidenti segni di usura

Usato da ristrutturare: (icona U2) identifica il prodotto molto usato con evidenti segni di usura con parti mancanti o danneggiate, può altresì intedersi anche come utilizzo parti di ricambio.